Etichettato: doppia fila

Una storiella dei nostri tempi #3

La faccenda, lo capimmo subito, non era nemmeno tanto originale e si rifaceva al quotidiano disprezzo del bon ton e del codice stradale. Con la scusa che ormai è impossibile trovare un parcheggio in città, lasciare la vettura in doppia fila è diventata una consuetudine più che una necessità, una maleducazione così diffusa che è tacitamente concessa finanche dalle autorità. Quello incastrato al suo posto, qualcuno ci disse addirittura “da più due ore”, era un signore di mezza età con la camicia tutta zuppa di sudore. Aveva tentato con mille manovre di venir fuori da quella situazione, ma visto che per questione di mezzo metro l’auto non riusciva a sortire con la marcia indietro, si era attaccato al clacson per cercare di avvertire quello che gli aveva parcheggiato dietro.

Una storiella dei nostri tempi #2

Questa volta, però, di agitazione ce n’era più del normale. Qualcuno stava suonando un clacson in continuazione e si erano già affacciate le signore alle ringhiere incuriosite da tutto quello strombazzare. Avevano abbandonando per un momento le faccende giornaliere e c’avevano ancora in mano le ramazze e gli stracci per spolverare. Anche il parrucchiere del Barber Shop New Delhi si era affacciato dal negozio, allungava il collo per dare un occhio e aveva lasciato il suo cliente indiano seduto sulla poltrona davanti allo specchio. Noi ci avvicinammo senza fretta, con le mani in tasca e lo sguardo svagato, come se tutto quel trambusto in realtà ci interessasse poco, ma quando arrivammo nei pressi di quel carosello ci facemmo largo per vedere meglio che s’era già formato un capannello.

Una storiella dei nostri tempi #01

Che vi devo dire, è una storiella dei nostri tempi, forse nemmeno troppo interessante. Comunque. Insieme al collega mio stavamo passeggiando senza fare niente. Oggi lavoro proprio non ce n’è e pur di non guardarsi negli occhi e piangere miseria ce ne andavamo a zonzo, in tasca al massimo i soldi per un caffè. Ci godevamo un solicchio scalda ossa e camminando, per distrarci dalle nostre preoccupazioni, i commenti erano tutti per le belle donne prese dalle loro mansioni, sfaccendate come noi o trafelate per i loro affari. Così parlando, alle volte non lo nego, in maniera anche un po’ triviale, un giorno sbucammo in una stradina che in genere è sempre una gran confusione. Sono tutti negozi uno appresso all’altro, c’è il fruttivendolo degli egiziani coi broccoletti a novanta centesimi, il panificio con la pizza bianca più buona del quartiere e da poco hanno aperto una bisca con le vetrine nere e dentro ci si rinchiudono a giocare ai video poker e alle slot mascine.