Una storiella dei nostri tempi #2

Questa volta, però, di agitazione ce n’era più del normale. Qualcuno stava suonando un clacson in continuazione e si erano già affacciate le signore alle ringhiere incuriosite da tutto quello strombazzare. Avevano abbandonando per un momento le faccende giornaliere e c’avevano ancora in mano le ramazze e gli stracci per spolverare. Anche il parrucchiere del Barber Shop New Delhi si era affacciato dal negozio, allungava il collo per dare un occhio e aveva lasciato il suo cliente indiano seduto sulla poltrona davanti allo specchio. Noi ci avvicinammo senza fretta, con le mani in tasca e lo sguardo svagato, come se tutto quel trambusto in realtà ci interessasse poco, ma quando arrivammo nei pressi di quel carosello ci facemmo largo per vedere meglio che s’era già formato un capannello.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...